Archivi categoria: News

Presentazione di “Banche rotte” a Valdobbiadene

coverLa crisi delle banche raccontata con un ritmo incalzante, da giallo finanziario, con una ricca e dettagliata documentazione e una sezione conclusiva che propone un vademecum e i consigli per i risparmatori.

Questa sera, a partire dalle 20:30 nell’auditorium di Valdobbiadene, l’autore Maurizio Crema ricostruirà le vicende che hanno sconvolto due grandi banche del Nordest con filiali in tutt’Italia e anche all’estero: Veneto Banca e Popolare di Vicenza.

PRESENTAZIONE “IO NON VOGLIO FALLIRE” A CONCORDIA SAGGITTARIA (VE)

Prima presentazione del libro “Io non voglio fallire. Un’imprenditrice in lotta per salvare la propria azienda” di Serenella Antoniazzi con Elisa Cozzarini (Nuovadimensione ed.)

L’evento si terrà a Concordia Saggittaria (VE) il 22 marzo prossimo alle ore 17.00 e sarà ospitato in Sala Rufino. Interverranno le due autrici.locandina-io-non-voglio-fallire

SCOMPARSO EUGENIO BUCCIOL, STORICO TREVIGIANO

bucciol

Il 6 gennaio 2015 è morto improvvisamente Eugenio Bucciol, il noto scrittore opitergino che tanto ha contribuito alla storia della Grande Guerra e del territorio veneto in particolare.
Bucciol era nato a Piavon nel 1930, si era laureato in Scienze politiche ed Economia, e aveva lavorato prima in Svizzera, a Zurigo e poi in Austria, a Vienna. Gli archivi storici di queste città erano i luoghi da lui più visitati e i loro documenti sulla storia veneta erano stati letture appassionanti e preziose per lui.
Educatore e archivista, ha pubblicato molti libri con la nostra casa editrice, scrivendo sempre con passione e rispetto delle fonti e del mestiere. Questo l’elenco della sua bibliografia con noi:

Saggi storici
1915-1918. Foto Italiane e austroungariche fronte a fronte. Versione italiana e tedesca
Dalla Moldava al Piave. I legionari cecoslovacchi sul fronte italiano nella Grande Guerra
Albania. Fronte dimenticato della Grande Guerra
Animali al fronte. Protagonisti oscuri della Grande Guerra
Inediti della Grande Guerra. Immagini dell’invasione austro-germanica in Friuli Venezia Giulia e in Veneto
Da Versailles a Villa Galvagna

Narrativa
Le confidenze di un gatto
Andando (racconti)

 

Muore Angelo Lallo, storico appassionato

“Nella Storia è possibili cercare soluzioni per risolvere qualsiasi teorema” scriveva Angelo Lallo ne “Il tunnel di Sarajevo”. E metteva in guardia sulla pericolosità di una visione faziosa, pregiudiziale della Storia volta ad avvalorare le proprie teorie. Lui guardava ai fatti da diversi punti di vista, cercando sempre la verità e l’uomo, dietro all’accadimento, interessandosi di più alla condizione del singolo nell’insieme, piuttosto che a quella della massa. Storico appassionato, ha seguito in modo particolare i fatti dell’ex-Jugoslavia, e si è interessato alla situazione complessa dei malati psichiatrici durante il nazismo e negli ultimi decenni.

Questa la sua bibliografia, testimone di una vita di impegno civile: La guerra nei Balcani. La doppia guerra: pulizia etnica e bombe (a cura di), Nuova Dimensione, 2000; Psichiatria e nazismo, Nuova Dimensione, 2001 (con Lorenzo Toresini); Il tunnel di Sarajevo. Il conflitto in Bosnia-Erzegovina: una guerra psichiatrica?, Nuova Dimensione, 2004 (con Lorenzo Toresini); Il sentiero dei tulipani. Psiconazionalismo in Bosnia Erzegovina, Infinito edizioni, 2011.

Un infarto lo ha stroncato a 64 anni, quando, da poco in pensione dopo una vita di insegnamento, voleva dedicarsi alla scrittura e alla ricerca a tempo pieno.

Che ti sia lieve la terra, Angelo.

Riscatto mediterraneo on tour

Gianluca Solera, l’autore del libro “Riscatto mediterraneo. Luoghi e voci di dignità e resistenza” è in tour in Italia per presentare il volume. Se volete invitarlo a presentare il libro presso la vostra Associazione, il vostro Ente o altra situazione, potete contattarlo direttamente.

Per ulteriori informazioni sul libro e su di lui vi rimandiamo al suo sito personale.

Boris Pahor – compio cent’anni e mi faccio un regalo: il libro di mia moglie pubblicato finalmente in italiano

Il prossimo 26 agosto Boris Pahor, lo scrittore sloveno ormai autore di una trentina di libri, scritti in sloveno e tradotti in dieci lingue, più volte candidato al Nobel, compirà 100 anni.
Ha visto trascorrere un secolo Pahor, quel Novecento che ricorre in tutti i suoi libri, soprattutto la prima, drammatica metà, che l’ha visto protagonista e vittima sotto il gioco fascista e nazista.

Lo scrittore, che alla sua età prende ancora l‘aereo da solo, ed è capace di fare due giorni a Parigi, rientrare e in serata tenere un incontro di due ore parlando ininterrottamente con un accento triestino dolce dolce, in contrasto con le parole sferzanti e a volte sarcastiche, è ancora nel fiore della vita letteraria: diversi sono i lavori in cantiere, tra cui, di prossima uscita, proprio per festeggiare il suo compleanno, Un eroe in famiglia per Nuovadimensione editrice, il libro della moglie Radoslava Premrl, scomparsa quattro anni or sono. Per lui questopera è il libro più importante, quello a cui è più legato. Gli ha dedicato una bellissima
introduzione e ha
voluto seguire personalmente tutte le fasi di produzione, compresi titolo e copertina, perché ci tiene particolarmente. Il volume esce per la prima volta in Italia soltanto ora (in Slovenia è stato pubblicato vent’anni orsono) perché racconta una storia delicata, la vicenda controversa di Janko Premrl, fratello di Rada, morto in circostanze “misteriose” sotto lo sguardo dei compagni partigiani.
Un eroe in famiglia è un libro contro tutte le di
ttature, i totalitarismi e le oppressioni dei più grandi sui più piccoli. Tradotto dalla traduttrice ormai “ufficiale” di Pahor, la brava Martina Clerici, uscirà in libreria il 5 settembre
prossimo e sarà presentato in anteprima al Festivaletteratura di Mantova.

Radoslava Premrl, Un eroe in famiglia. Mio fratello Janko-Vojko, Nuovadimensione, pag.304, euro 17.00