Toggle navigation
news

In libreria a febbraio

C:\fakepath\o.png


Il nuovo libro di Pierluigi Di Piazza  in libreria dal 7 febbraio: "NON GIRARTI DALL'ALTRA PARTE. LE SFIDE DELL'ACCOGLIENZA".

Pierluigi Di Piazza, prete dagli anni '70, nel 1988 ha fondato il Centro di accoglienza per stranieri e di promozione culturale Ernesto Balducci di Zugliano (Udine), di cui è responsabile. Tra le sue pubblicazioni, ricordiamo Fuori dal tempio. La Chiesa al servizio dell’umanità (Laterza, 2011), Io credo. Dialogo tra un’atea e un prete (con Margherita Hack, Nuovadimensione 2012), Compagni di strada, in cammino nella Chiesa della speranza (Laterza, 2014), Il mio nemico è l’indifferenza. Essere cristiani nel tempo del grande esodo (Laterza, 2016), e Vivere e morire con dignità (con Beppino Englaro, Giulia Facchini Martini e Vito di Piazza, Nuovadimensione, 2016). 

“L’accoglienza riguarda il dentro e il fuori di me, il luogo in cui vivo e tutti i luoghi del Pianeta; dall’accoglienza mi sento avvolto, attraversato, sollecitato, provocato; dai suoi esiti anche colpito, trasformato e certo sempre arricchito”. Pierluigi Di Piazza

Nel momento storico attuale la parola accoglienza è accostata in modo immediato ai migranti ed entra nel dibattito, nelle polemiche, nella propaganda e negli esiti delle votazioni amministrative e politiche; è una parola divisiva anche fra coloro che si dicono credenti. 

Una perlustrazione psicologica e pedagogica che riguarda ciascuna persona, le relazioni con gli altri con attenzione particolare a coloro che nella società e nella Chiesa sono considerati diversi.

Il libro vanta contributi preziosi di: don Tonio Dell'Olio presidente della Pro Civitate Christiana di Assisi; Paolo Tomasin, sociologo ed esperto in cooperazione e integrazione sociale e Gianfranco Schiavone, vicepresidente dell’ASGI (Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione) e presidente dell’ICS (Consorzio Italiano di Solidarietà) di Trieste. 

In copertina l'opera "La Zattera di Lampedusa", la scultura che raffigura un gommone con a bordo alcuni migranti, rivisitazione del celebre dipinto di Théodore Géricault del 1819 "La zattera di Medusa", capolavoro che raffigura uno storico naufragio avvenuto proprio nell'Atlantico. È una delle opere di Jason deCaires Taylor immerse al largo delle Canarie. Cosa ne pensate?

Libri correlati

Il tuo carrello

Procedi all'acquisto

Prosegui con lo shopping