Toggle navigation

La sciarpetta rossa

Diario di guerra e di prigionia 1943 - 1945

C:\fakepath\la-sciarpetta-rossa-cop-def.jpg
  • PAGINE: 192
  • FORMATO: 13x20 cm
  • LINGUA: Italiano
  • RILEGATURA: Brossura
  • ED. CORRENTE: luglio 2018
  • ISBN: 978-88-6958-021-5
  • COLLANA: Scritture
14.00   Nuova Dimensione

È nella fredda e brumosa Prussia Orientale, nel lager di Stablak, che si ambienta gran parte di questo racconto. Guerrino Moretto, soldato prigioniero n. 14059 1 A, vi giunse il 30 settembre 1943. L’8 settembre lo aveva colto in Dalmazia, a Ragusa: per un’assurda coincidenza era rientrato al suo reparto giusto il giorno prima dal Veneto. Fosse rimasto a casa nessuno avrebbe potuto rimproverarglielo, e un ritardo anche di un solo giorno avrebbe cambiato la sua vita. Invece si trovò rinchiuso in una tradotta per il Nord: dai minareti della Bosnia ai cupi profili delle lande baltiche. A dargli un po’ di conforto, le amicizie al campo e gli sporadici incontri con qualche donna. La sciarpa rossa, dono di una di queste, sarà un dolce ricordo che lo distrarrà dagli orrori del lager. Guerrino resterà a Stablak fino al 9 maggio 1945, quando, con l’irrompere nel campo di un cosacco a cavallo, potrà scrivere sull’ultima pagina del suo diario: “È finita!”.

Immagini interne

la_sciarpetta_rossa_4.jpg
Libri correlati

Il tuo carrello

Procedi all'acquisto

Prosegui con lo shopping