Toggle navigation
Ivan Vadori, Elia Falaschi

La voce di Impastato

da Peppino Impastato a Mafia Capitale, l'Italia sotto inchiesta

C:\fakepath\Copertina_Impastato-def.jpg
  • PAGINE: 224
  • FORMATO: 14x21 cm
  • LINGUA: Italiano
  • RILEGATURA: brossura cucita filo refe
  • PRIMA EDIZIONE: maggio 2018
  • ISBN: 9788869580192
  • ILLUSTRATORE: Fotografie di Elia Falaschi
  • COLLANA: Dossier
16.50   Nuova Dimensione

“Peppino era un poeta, un artista, parliamoci chiaro, e noi sappiamo benissimo che i poeti, gli artisti rispetto a buona parte dei politici e dei militanti comunisti hanno una maggiore sensibilità, perché riescono a capire, a percepire con grande anticipo le trasformazioni di un’intera società, di un intero mondo, gli artisti ci arrivano prima.” Giovanni Impastato, fratello di Peppino

“Sono assolutamente convinta che Peppino Impastato sia stato eliminato perché aveva inquadrato perfettamente quali erano i traffici illeciti della cosca di Badalamenti e, molto probabilmente, era a conoscenza anche dei suoi rapporti con le Istituzioni” Franca Imbergamo, magistrato

 “Più l’informazione è silenziosa, più gli affari dei mafiosi possono proliferare.” Lirio Abbate, giornalista

Un’inchiesta giornalistica dipana i fili del rapporto tra Stato e mafia partendo dall'attivismo di Peppino Impastato per arrivare a Mafia Capitale e alle mafie del nord. Si ricostruiscono i fatti grazie alle testimonianze di chi la mafia la combatte in casa propria, nel proprio lavoro, nelle aule dei tribunali o sulle pagine stampate. Da don Ciotti a Giancarlo Caselli, da Franca Imbergamo a Giovanni Impastato, da Lirio Abbate a Carlo Lucarelli, un inserto fotografico d’autore arricchisce il lavoro mostrando i volti di chi lotta, senza paura e con determinazione.

Con la prefazione di Giovanni Impastato e la postfazione di Luisa Impastato

Immagini interne

caselli.jpg
Libri correlati

Il tuo carrello

Procedi all'acquisto

Prosegui con lo shopping