Toggle navigation

Pontelongo un luogo buono per vivere

Storia per parole e immagini di un paese sul Bacchiglione (1876-1976)

C:\fakepath\pontelongo.jpg
  • PAGINE: 336
  • FORMATO: 24x29.5 cm
  • LINGUA: italiano
  • RILEGATURA: brossura
  • PRIMA EDIZIONE: 2004
  • ED. CORRENTE: 2004
  • ISBN: 9788889100042
28.00   Nuova Dimensione

Che cosa ci sarà mai da raccontare di Pontelongo, una piccola comunità adagiata sul Bacchiglione, uno dei tanti luoghi della bassa padovana che vive e opera tra Padova, Venezia e Chioggia? Che cosa sarà mai capitato in qusti ultimi cento anni? Molte cose capitano tra il 1876 e il 1976, tra il secondo e il terzo centenario del solenne Voto dalla Madonna, celebrato puntualmente ogni anno, fin dal lontano 1676, a ringraziamento per la vittoria su un'epidemia mortale: una terribile alluvione (1882), l'insediamento di un'amministrazione autonoma (1876) che si sforza di guidare la comunità verso lo sviluppo e il benessere, un fiume "tortiglioso" e pericoloso che viene domato; un sindaco illuminato (Luigi Ostani) che si batte per la partecipazione alla vita politica delle donne (quarant'anni in anticipo sui tempi della storia), l'arrivo dei belgi (1910) e l'insediamento di uno zuccherificio che cambia il modello di sviluppo locale, un filantropo locale (Antonio Galvan) che aiuta generosamente la nascita dell'Università Cattolica di Milano, un parroco dinamico (don Valentino Caon) che costruisce un "piccolo Vaticano". E, ancora, la costituzione dei grandi partiti di massa del Novecento, l'avvento del fascismo, i bombardamenti del 1944-45, la Resistenza, la ricostruzione del secondo dopoguerra, lo sviluppo dello sport e degli insediamenti scolastici, la "contestazione" e il protagonismo dei giovani nel 1968. Una storia di amministrazioni locali; di donne e di uomini che meritano di uscire da un lungo, immeritato oblio; di idee, usi, costumi, abitudini e atteggiamenti in evoluzione; di una società aperta ai tecnici e professionisti che arrivano da vari paesi europei. E anche di comportamenti e di orientamenti ideali di un secolo, il Novecento, di aspra contrapposizione tra schieramenti, modelli politici e progetti di sviluppo. É una storia piccola, ma non insignificante, scritta come in presa diretta, che vuol farsi leggere da giovani e da adulti, sui banchi di scuola e nelle stanze private Con l'accortezza d rendere conto delle fasi storiche passate e del trascorrere del tempo e degli avvenimenti, in uno scenario piccolo, ma strettamente intrecciato a quello nazionale.

Immagini interne

pontelongo_4.jpg

Il tuo carrello

Procedi all'acquisto

Prosegui con lo shopping